Immagine archetipo

Permessi e documenti

Scegliere il regime patrimoniale

Anagrafe e stato civile

Servizio non attivo

Il servizio sarà attivo entro il 31 dicembre 2023

All ’ atto della celebrazione del matrimonio una coppia pu ò scegliere il proprio regime patrimoniale ovvero la separazione o comunione dei beni.  


Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

A chi è rivolto

Il servizio è rivolto a:

Il servizio è rivolto ai futuri coniugi che al momento della celebrazione del matrimonio devono scegliere il regime patrimoniale.  

Descrizione

Il regime patrimoniale adottato per il matrimonio fa riferimento alla proprietà dei beni personali dei coniugi. In alcuni casi, la coppia, può decidere di mantenere divisa la loro sfera economica, in altri, invece, può optare per una comunione di tutto ciò che li riguarda.

Ad ogni modo, I beni personali da considerare, però , non corrispondono a tutti i possedimenti di marito e moglie, ma solamente al patrimonio personale di ciascuno dal momento del matrimonio.

Ciò significa che una casa, un'auto o un altro oggetto acquistato prima di sposarsi, rimane del diretto proprietario, in ogni caso, indipendentemente dal regime scelto.

In particolare, rimangono beni esclusivamente personali e non costituiscono oggetto della comunione quelli elencati nell'art 179 del codice civile ovvero:

a) i beni di cui, prima del matrimonio, il coniuge era proprietario o rispetto ai quali era titolare di un diritto reale di godimento;

b) i beni acquisiti successivamente al matrimonio per effetto di donazione o successione, quando nell'atto di liberalità o nel testamento non è specificato che essi sono attribuiti alla comunione;

c) i beni di uso strettamente personale di ciascun coniuge ed i loro accessori;

d) i beni che servono all'esercizio della professione del coniuge, tranne quelli destinati alla conduzione di un'azienda facente parte della comunione;

e) i beni ottenuti a titolo di risarcimento del danno nonché la pensione attinente alla perdita parziale o totale della capacità lavorativa;

f) i beni acquisiti con il prezzo del trasferimento dei beni personali sopraelencati o col loro scambio, purché ciò sia espressamente dichiarato all'atto dell'acquisto.

L'acquisto di beni immobili, o di beni mobili elencati nell'articolo 2683 del codice civile (es. le navi, i galleggianti e gli aeromobili iscritti nei registri indicati dal codice della navigazione; gli autoveicoli iscritti nel pubblico registro automobilistico) effettuato dopo il matrimonio è escluso dalla comunione quando tale esclusione risulti dall'atto di acquisto se di esso sia stato parte anche l'altro coniuge.

 

Come fare

Il matrimonio instaura automaticamente il regime patrimoniale della comunione legale dei beni ma i coniugi possono anche scegliere il regime della separazione dei beni , in questo la scelta può essere fatta:

  • al momento della celebrazione del matrimonio, consegnando apposita dichiarazione al celebrante (ufficiale di stato civile, parroco o altro ministro del culto);
  • prima del matrimonio, a mezzo di apposita convenzione stipulata da un notaio (la convenzione deve essere prodotta all'ufficiale di Stato Civile al momento della celebrazione o della trascrizione del matrimonio);
  • successivamente al matrimonio, con convenzione stipulata di fronte a un notaio.
  •  Per qualsiasi cambiamento del regime dopo il matrimonio, occorre rivolgersi ad un notaio per la stipula di un'apposita convenzione che verrà trasmessa dal notaio all'ufficiale di stato civile del Comune di celebrazione del matrimonio per l'annotazione sull'atto di matrimonio.

 

 

Cosa serve

---

Cosa si ottiene

La definizione del regime patrimoniale della coppia.

 

Tempi e scadenze

5giorni

Presa in carico

10giorni

Eventuale richiesta di integrazioni

30giorni

Conclusione del procedimento

Quanto costa

Se la scelta viene effettuata all'atto della celebrazione del matrimonio non vi sono costi.

Se effettuata davanti ad un notaio i costi varieranno in funzione del numero di atti da predisporre per la riorganizzazione del patrimonio familiare.

 

Accedi al servizio

Servizio non disponibile online

Oppure, puoi prenotare un appuntamento e presentarti presso gli uffici.

Ulteriori informazioni

Normativa di riferimento

  • Regio Decreto (Stato Italiano) 16-03-1942, n. 262 - Codice civile
  • D.P.R. n. 396 del 3 novembre 2000 - Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello stato civile, a norma dell'art. 2 comma 12 della legge 15 maggio 1997 n. 127;
  • art 179 e 2683 del codice civile

 

Condizioni di servizio

Canale fisico

Nessun risultato

Documenti

[Espandi]
Scegliere il regime patrimoniale

Contatti

Ufficio Servizi Demografici

Sede comunale

85010 Via Municipio, n.1, Banzi, Potenza, Basilicata, Italia

PEC: comune.banzi@cert.ruparbasilicata.it

Email: info@comune.banzi.pz.it

Telefono: +39 0971 947 818

Immagine
Nessun dato da visualizzare
Argomenti
 

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri